TEMPI DISPARI 2010

IL PIAVE - L'Antica Via d'Acqua
3 / 4 / 5 settembre 2010

Tempi Dispari 2009

Home

Casa di Cultura Goffredo Parise di Ponte di Piave
Associazione Culturale "Euforia Costante"

in collaborazione con la rivista culturale Finnegans

presentano

TEMPI DISPARI 2010
IL PIAVE - L'Antica Via d'Acqua
Gli scrittori e il fiume

Il viaggio narrativo e poetico di Goffredo Parise – Giovanni Comisso - Guido Piovene – Giacomo Noventa

Siamo lieti di presentare quest'anno la seconda edizione di Tempi Dispari, una rassegna artistica che traccia un percorso ideale e letterario attraverso i territori che abbracciano il fiume Piave, luogo simbolico della nostra memoria collettiva e grande mito identificativo per molti artisti.
Il tema della manifestazione è un omaggio agli scrittori che hanno raccontato il fiume e che hanno trasferito su molte pagine memorabili tutta la poetica umana, naturale e spirituale racchiusa in questo territorio.

Direzione artistica Carla Stella
Direzione organizzativa Diego Lorenzi

Tema

“Esiste nel cuore dei veneti una persuasione fantastica, che la loro terra sia un mondo, un sentimento ammirativo e quasi un sogno di se stessi”
(G. Piovene)

L'antica via d'acqua: il viaggio come metafora, i villaggi, la gente di montagna e di pianura, il rigagnolo e poi il fiume che corre verso la laguna. La parola vaga nel firmamento dell'immortalità come una traccia, un'orma sottile che contrasta con tutto ciò che vediamo, che conosciamo e con la nostra stessa ragione. Il nostro presente sarebbe impensabile e completamente diverso se non ci fossero stato loro. La gente del Piave.

Il Piave come “arteria aperta” (A. Zanzotto) scorre nel passato come una grande via d'acqua che dalle Dolomiti si tuffa nell'Adriatico, trascinando uomini, merci, racconti, leggende, come spettatori in una grande raffigurazione ottocentesca. Un viaggio itinerante, un'esplorazione che ridisegna una geografia fluida e tattile, sensibile al richiamo di un'economia che invoca un riscatto, un benessere che il fiume può offrire all'uomo che sa sfruttare una risorsa così preziosa per la sua sopravvivenza.

Un fiume, il Piave, rappresentato anche come incarnazione di un grande viaggio narrativo, che feconda poesia e letteratura in un'incessante processo creativo che sfocia nelle grandi pagine dei racconti di Comisso, Parise, Buzzati e Piovene, nei versi di Noventa e di Zanzotto.
Ed ecco, infatti, che un percorso esplorativo, quasi una roadmapping letteraria sembra affacciarsi nella fantasia creativa dei nostri scrittori del Piave: sulle sue sponde Comisso bambino aveva giocato alla guerra “tutte le domeniche dopo il Vespro”. Ed ancora: “...Io vivo di paesaggio, riconosco in esso la fonte del mio sangue” (da Veneto Felice). Gli fa eco Parise, scrittore che scelse volontariamente l'esilio felice del rifugio di Salgareda, in riva al fiume: “...Non sono più veneto da molti anni e se la mia regione ha ormai spazi internazionali, il mio sentimento è piccolissimo e fortissimo ed è tutto racchiuso nel Veneto, specie sulle immense ghiaie infuocate del Piave durante l'estate e l'azzurro torrente che vi scorre in mille rivoli e pozze gelide”. Anche Dino Buzzati, bellunese, scoprì il fiume da bambino, come Comisso, andando a pescare con i figli dei contadini: “...Il Piave era per me un piacere visivo e un piacere acustico, con i suoi vari rametti gorgoglianti tra le pietre bianche...con questi colori straordinari del fondo, viola, azzurro, verde...”.

È importante perciò, attraverso questo progetto, soffermarci a considerare tutti questi aspetti della natura, della storia e della poetica di un fiume che, partendo da una falda dolomitica, fugge verso il mare, disegnando quasi una cartografia emotiva nutrita di passioni, slanci ideali, speranze e illusioni, sentimenti che hanno sempre accompagnato il suo lento, silenzioso e a tratti anche furioso ed assordante tragitto.

Accanto all'antico incedere della storia del fiume dentro l'alveo della sua vita segreta ed umana, rappresentata anche dalla remota “discesa” delle zattere lungo il suo corso (un transito avventuroso e spesso eroico di uomini e merci -una circolazione ed un nomadismo comunicativo che spesso si rivelava l'unica fonte di notizie per le popolazioni degli approdi-), il Piave consegna alla storia italiana il simbolo più nobile e più glorioso del suo destino di grande mito identificativo e fondativo dell'unità nazionale. Come sappiamo, il fiume arginò e respinse, con il sacrificio di migliaia di soldati italiani, l'avanzata austriaca nella prima guerra mondiale, sancendo in modo inequivocabile la sacralità di un luogo e di un territorio, il Veneto, simbologia di una terra riconsegnata ad una dimensione umana e spirituale e, soprattutto, ad un'identità perduta e ritrovata.

Questa manifestazione culturale, attraverso il ricordo e la testimonianza degli scrittori che andremmo ad incontrare, vuole rappresentare una piccola “combustione” della memoria storica, un evento che si misuri con l'indagine e la conoscenza di un passato ricco di storia e di tradizione popolare, che, purtroppo, suggestionato dalla metamorfosi di un presente che ne corrode l'identità e schiacciato da un processo quasi irreversibile di trasformazione sociale e strutturale, sembra fuggire inghiottito dalla nebbia del tempo.

È anche per questo motivo che intendiamo onorare il presente con un appuntamento di grande respiro artistico e di forte impatto culturale.

Programma 3 settembre

Venerdì 3 settembre Sabato 4 settembre Domenica 5 settembre

Venerdì 3 settembre

Treviso - Piazza dei Signori

Ore 20.30
Apertura rassegna Tempi Dispari 2010
Letture a cura dell'attrice Carla Stella tratte da "La mia casa in campagna" di Giovanni Comisso
Accompagnamento musicale di Giovanni Guidi
Ore 21.15
Concerto Jazz con Enrico Rava Quintet - Evento in collaborazione con Porsche Italia
Enrico Rava è sicuramente il jazzista italiano più conosciuto ed apprezzato a livello internazionale. La sua poetica immediatamente riconoscibile, la sua sonorità lirica e struggente sempre sorretta da una stupefacente freschezza d’ispirazione, risaltano in tutte le sue avventure musicali.
Il gruppo Enrico Rava Quintet è composto da Enrico Rava alla tromba, Giovanni Petrella al trombone, Giovanni Guidi al pianoforte, Gabriele Evangelista al double bass e Fabrizio Sferra alla batteria.
Ingresso libero

Programma 4 settembre

Venerdì 3 settembre Sabato 4 settembre Domenica 5 settembre

Sabato 4 settembre

Casa Parise di Salgareda - Ponte di Piave

Ore 17.00
Incontro letterario sul tema “L'antica via d'acqua: un poeta del Piave” - Giacomo Noventa
Ospiti: Giuliano Scabia (poeta e scrittore) - Rolando Damiani (docente universitario e critico letterario) - Antonio Daniele (docente universitario) - Alessandro Nardese (sindaco di Noventa di Piave) – Stefano Strazzabosco (direttore responsabile della rivista Finnegans) - Ivo Prandin (giornalista) – Paola Tonussi (docente universitaria).
Ore 19.30
Rievocazione letteraria con letture sugli scrittori del Piave.
Ingresso libero

Programma 5 settembre

Venerdì 3 settembre Sabato 4 settembre Domenica 5 settembre

Domenica 5 settembre

Casa Parise di Salgareda - Ponte di Piave

Ore 17.00
Incontro letterario con gli scrittori Romolo Bugaro e Marco Franzoso, che presenteranno i loro ultimi lavori: “Ragazze del Nordest” (Bugaro - Franzoso) e “Bea Vita! Crudo Nordest” (Bugaro).
All'incontro saranno presenti esponenti del mondo della politica e della cultura.
Ore 19.30
Chiusura della manifestazione
Letture di Carla Stella su testi di Goffredo Parise e Giovanni Comisso.
Ingresso libero

Informazioni

Date e luoghi della manifestazione

venerdì 3 settembre 2010

Piazza dei Signori, Treviso.
Ingresso libero - In caso di maltempo lo spettacolo avrà luogo presso il Teatro Comunale di Treviso.

sabato 4 / domenica 5 settembre 2010

Casa sul Piave di Goffredo Parise, Via Gonfo n°4 Salgareda (TV). Visualizza la mappa
Ingresso libero - In caso di maltempo gli incontri avranno luogo presso l'Auditorium del Comune di Ponte di Piave.
Informazioni
Segreteria Tempi Dispari 0422.460797 - cell. 340.9741769 - 349.0667737
Email: info.tempidispari@gmail.com
Indicazioni stradali
Potete uscire a S. Donà di Piave- Noventa di Piave (A4 per Trieste) e seguire le indicazioni per Ponte di Piave. Arrivati a Ponte di Piave, girate a sinistra per Treviso, fate una curva e siete in centro. Poco dopo un distributore (a dx) c'è un semaforo, girate a sinistra e dopo 500 metri circa trovate le indicazioni per il Festival "Tempi Dispari".
Se uscite a Treviso Sud (A27), seguite le indicazioni per Oderzo, passate per S. Biagio di Callalta e una volta arrivati in centro a Ponte di Piave, al semaforo girate a destra.

Colophon

Direzione artistica
Carla Stella, attrice professionista, regista e performer, da sempre interessata alla poesia e alla letteratura, porta avanti una sua visione dell'arte cercando di creare un percorso nel 'fare' artistico, avvalendosi della collaborazione di musicisti, artisti, danzatori e video-filmakers
Direzione organizzativa
Diego Lorenzi è responsabile della rivista culturale Finnegans
Partners
Porsche Italia - Regione del Veneto - Provincia di Treviso - Università di Padova
Compiano - Ascom di Treviso - Contarini vini e spumanti
Si ringraziano
Makola - Equipe Terry Parrucchieri Padova - Bettin Strumenti Musicali
Enzo Lorenzon e Moreno Vidotto, proprietari della Casetta Parise di Salgareda
Credits
Il disegno del logo è di Sarah Khoury / Webdesign Richard Khoury

Stampa

Rassegna Stampa
(in corso di completamento)
Parise e Comisso: ricordi sul Piave
Michele Miriade - Il Gazzettino, 26 Luglio 2010
Parise, Comisso e il Piave - "Tempi Dispari" riflette sugli scrittori e il rapporto col fiume
Barbara Battistella - La Tribuna di Treviso, 1 Agosto 2010
Il Piave e i suoi scrittori
Antonio Frigo - Il Mattino di Padova, La Tribuna di Treviso, La Nuova Venezia, 6 Agosto 2010
Jazz e letture nel nome di Parise e Comisso
Silvia Madiotto - Corriere del Veneto, 20 Agosto 2010
Da Treviso a Salgareda tra musica e poesia - Festival dei Tempi Dispari: viaggio letterario lungo il Piave
Alessandro Valenti - La Tribuna di Treviso, 29 Agosto 2010
Gli scrittori e il fiume sulla via della memoria - Tempi Dispari in città
Elena Fillini - Il Gazzettino, 29 Agosto 2010
Omaggio al Piave e a Parise: Carla Stella, Bugaro e Franzoso
Caterina Barone - Corriere del Veneto, 3 Settembre 2010
Tempi Dispari debuttano con il jazz di Enrico Rava
Redazionale - Il Gazzettino, 3 Settembre 2010
Tempi Dispari: confronto a Nordest
Redazionale - Il Gazzettino, 5 Settembre 2010
Rava fa vibrare il Comunale - Teatro strapieno per il quintetto jazz
Lieta Zanatta - La Tribuna di Treviso, 5 Settembre 2010